“Così fan tutte” al Costanzi

Dirige Speranza Scappucci al suo debutto al Costanzi, firma la regia del nuovo allestimento Graham Vick

Lo spettacolo iniziale del 2017, è un nuovo allestimento del Così fan tutte opera buffa in due atti di Wolfgang Amadeus Mozart, su un libretto di Lorenzo Da Ponte. La “prima” di mercoledì 18 gennaio, ore 19.30, sarà trasmessa in diretta su Rai Radio 3. Si tratta del più raro fra i titoli della trilogia di Mozart e Da Ponte proposti fino ad oggi al Costanzi: dalla prima del 1950 se ne contano solo altri cinque allestimenti, il più recente nel 2007. L’edizione di quest’anno (repliche fino al 27 gennaio 2017) è affidata alla bacchetta di Speranza Scappucci. La giovane direttrice, dopo il recente successo con i Wiener Philharmoniker, debutta ora sul podio del teatro capitolino. Nel Così fan tutte, accompagnerà anche i recitativi al fortepiano, secondo la tradizione settecentesca. Alla regia invece un grande ritorno, quello di Graham Vick che, dopo il Mahagonny della scorsa stagione, riuscirà di certo a stupirci con il sottile gioco d’ironie del capolavoro mozartiano.

Siamo molto contenti di avere con noi Speranza Scappucci – ha dichiarato il sovrintendente Carlo Fuortes – una musicista romana, che ha già raccolto molti successi all’estero, di recente a Vienna, e che debutta da noi con questo Così fan tutte. Quest’opera è uno straordinario esempio di teatro musicale per il perfetto equilibrio raggiunto fra libretto e musica. Una caratteristica che impone un assoluto rispetto del testo, sia dal punto di vista del canto che della recitazione. Sono per questo molto grato a tutti gli interpreti che la eseguiranno e che, sotto la guida del maestro Scappucci e del regista Graham Vick, si sono sottoposti a un lavoro molto approfondito che ha riguardato tutti, visto che in questa opera non vi sono ruoli che potrebbero essere definiti “secondari”. Infine sono orgoglioso di dirvi che gli altri due capolavori della trilogia, Le nozze di Figaro e il Don Giovanni saranno programmati nelle prossime due stagioni sempre con la regia di Graham Vick”.

Ci sono opere – ha dichiarato il regista Graham Vick – che ho messo in scena una sola volta nei miei 40 anni di attività. Altre che mi piace riprendere più volte: così accade con Mozart, un autore che mi consente di ritrovare me stesso e di capire quanto, passati alcuni anni, sono cambiato. Questo avviene in particolare col Così fan tutte: il titolo dell’opera è un motto ironico, realistico, per una straordinaria opera che è tutta dalla parte delle donne. All’opposto di quanto comunemente si pensa, infatti, in essa non c’è alcun tratto di misoginia. Perché parla continuamente del diritto delle donne ad essere loro stesse. Non tanto infedeli, quanto ribelli, in nome della legge di natura, alle regole imposte dagli uomini….

Questo debutto all’Opera di Roma – ha detto Speranza Scappucci – è per me forse il più significativo, perché il Costanzi è il teatro della mia città. Qui, in questa sala meravigliosa, da bambina vidi la mia prima opera, La sonnambula di Bellini. E più tardi, dopo lunghi studi e gavette in tutti i teatri del mondo, venni a lavorare qui in qualità di maestro collaboratore. Oggi salire sul podio dove tanti grandi sono stati, è per me un immenso onore e un’emozione. Così fan tutte è, più di ogni altra cosa, un’opera di vasta e profonda umanità, che contiene tutta la gamma dei nostri sentimenti: rabbia, amore, perdono, senso di colpa, gelosia tra amanti e tra amici, pentimento… La fusione tra musica e parole, è perfetta ed è fondamentale capire i doppi e i tripli significati del libretto. D’altra parte l’intera trilogia Mozart-Da Ponte esige una perfetta comprensione della lingua italiana, una lingua che, con la sua abbondanza di vocali, condiziona strutturalmente la partitura. Così fan tutte si rivela un’opera piena di sfumature, chiaroscuri, sottotesti che è compito di noi interpreti mettere in luce.”

 

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza possibile sul nostro sito.
Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy.Proseguendo con la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie