Stagione 2009

LES BALLETS RUSSES / 1

Direttore d'orchestra

Enrique Mazzola

ORCHESTRA E CORPO DI BALLO DEL TEATRO DELLOPERAAllestimenti del Teatro dellOpera e nuovi allestimenti




Trama

 

Testi e parole da Giacomo Balla, Coco Chanel, Jean Cocteau, Gabriele d’Annunzio, Stéphane Mallarmé, Vaslav Nijinskij, Misia Sert, Igor Stravinskij, Virginia Woolf
raccolti da Cosimo Manicone

 

 

Il Teatro Costanzi ebbe il grande merito nell’essere stato il primo teatro italiano ad ospitare Les Ballets Russes di Sergei Diaghilev. Dopo una prima accoglienza poco calorosa nel 1911, vi tornarono nel 1917, nel 1920 e ’21. Il pubblico, ancora fortemente legato al melodramma, al virtuosismo fine a se stesso e a balli di tradizione romantica, non si entusiasmò per questi “balletti” di breve durata che avevano, invece, meravigliato i parigini. Questi avevano percepito l’innovazione diaghileviana, la mirabile fusione del lavoro di artisti figurativi, compositori e coreografi di rilievo, in cui i virtuosismi dei solisti erano una conseguenza del racconto e non fini a se stessi. I pareri di critica furono discordanti ma ci fu chi riconobbe già nella loro prima tournée italiana l’eccezionalità di ballerini come Tamara Karsavina e Vaslav Nijinsky. Tuttavia lo spessore rivoluzionario di cui Les Ballets Russes furono portatori non modificò significativamente l’atteggiamento culturale italiano nei confronti della danza. Le coreografie presentate nel 1911 furono tutte di Michel Fokine (Il padiglione di Armida, Le silfidi, Danze Polovtsiane, Carnaval, Shéhérazade, Cleopatra) tranne il romantico Giselle di Jean Coralli.

Dove

Teatro Nazionale

Teatro Nazionale

Maggiori info

Le date

Prima rappresentazione

  • martedì
    07
    Apr
    ORE 20:30

Le repliche

  • mercoledì
    08
    Apr
    ORE 20:30
  • giovedì
    09
    Apr
    ORE 20:30
  • sabato
    30
    Set
    ORE 12:39
  • martedì
    30
    Set
    ORE 12:39
Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza possibile sul nostro sito.
Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy.Proseguendo con la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie