Stagione 2014/2015

Pink Floyd Ballet



Gustav Mahler

La rose malade

 

Costumi Yves Saint Laurent

con Amandine Albisson e Audric Bezard /
Gaia Straccamore e Giuseppe Schiavone 27

 

 

The Pink Floyd

Pink Floyd Ballet

Coreografie di Roland Petit

riprese da Luigi Bonino

Luci Jean-Michel Dèsiré

Musiche su base registrata

 

 

Corpo di Ballo del Teatro dell’Opera


Trama

 

Un giorno mia figlia, che doveva avere una decina d’anni, mi dà un disco “The Pink Floyd”. Mi dice: «Papà devi fare un balletto su questa musica; per danzare non c’è di meglio».

Io ho fatto subito un  balletto su un disco-video ritmato, e fu il successo. Parigi, Tokyo, l’Italia, la Germania, la Cina, la Russia e molti altri paesi… Spero che avremo successo.

 Roland Petit (2009)

 

Il chiarore della luna estiva è lo scenario ideale per lo spettacolo di danza alle Terme di Caracalla firmato Roland Petit: due titoli tra rock e poesia, Pink Floyd Ballet e La rose malade apparentemente lontani, per atmosfere e sonorità agli antipodi che trovano il loro trait d’union nella geniale vena creativa di un maestro irraggiungibile della danza del Novecento. Le sonorità ipnotiche dei Pink Floyd e le note evanescenti di Gustav Mahler, contraddistinguono due coreografie nate a distanza di un solo anno l’una dall’altra. Risale al 1972 il debutto di Pink Floyd Ballet al Palais des Sports di Marsiglia, la coreografia cult che Roland Petit creò per caso, per assecondare un suggerimento della figlia Valentine – “Papà devi fare un balletto su questa musica; per danzare non c’è di meglio”. Il risultato sono novanta minuti di danza allo stato puro dalla grande carica espressiva, nel contrasto tra le note psichedeliche di brani come The Dark Side of the Moon, Meddle, RelicsObscured by Clouds e la nuda essenzialità delle calzamaglie dei ballerini vestiti dagli effetti speciali delle luci, elemento centrale della coreografia. Nel 1973, un anno dopo l’incursione nel mondo del rock della band inglese, Petit si immerge nelle atmosfere romantiche dell’Adagietto dalla Quinta Sinfonia di Mahler per creare uno struggente pas de deux su Maya Plisetskaya ispirato dai versi di William Blake. Una danza d’amore e di morte, dai contrasti intensi e tormentati in un’atmosfera di sogno arricchita dai costumi di Yves Saint-Laurent.

Dove

Caracalla

Caracalla

Maggiori info

Le date

Prima rappresentazione

  • martedì
    23
    Giu
    ORE 21:00

Le repliche

  • mercoledì
    24
    Giu
    ORE 21:00
  • giovedì
    25
    Giu
    ORE 21:00
  • venerdì
    26
    Giu
    ORE 21:00
  • venerdì
    29
    Set
    ORE 14:35
Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza possibile sul nostro sito.
Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy.Proseguendo con la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie