DON CHISCIOTTE

Teatro Nazionale

 

Balletto in tre atti eseguito dagli allievi della Scuola di Danza
diretta da Laura Comi

Musica Ludwig Minkus

 

Coreografia Marius Petipa

rielaborata da Ofelia Gonzalez e Pablo Moret

Consulenza musicale Giuseppe Annese

 

Allestimento del Teatro dell’Opera
a cura di Anna Biagiotti e Michele Della Cioppa

 

Luci Patrizio Maggi

 

Prima Rappresentazione

Sabato 5 aprile, ore 18.00

 

Repliche

domenica 6 aprile ore 16.30

martedì 8 aprile ore 11.00 (scuole)

mercoledì 9 aprile ore 11.00 (scuole)

giovedì 10 aprile ore 11.00 (scuole)

venerdì 11 aprile ore 11.00 (scuole)

sabato 12 aprile ore 18.00

domenica 13 aprile ore 16.30

 

 

Prezzi dei biglietti
€ 23,00 (con riduzione del 20% per gli aventi diritto come da convenzioni vigenti e del 25% per anziani-giovani-studenti, per le recite riservate alle scuole il prezzo è € 10,00)

 

______________

 

“Don Chisciotte”, ispirato al romanzo di Cervantes, narra le vicende legate al peregrinare del protagonista e del suo scudiero Sancho Panza. Nobile, squattrinato, alto e magro, Don Chisciotte si  nutre con letture di cavalleria tanto da ritenersi  legittimo successore dei cavalieri medievali; lotta per i suoi ideali sognando la nobile dama Dulcinea per la quale è pronto a combattere qualsiasi battaglia, seguito e sempre difeso dal fedele Sancho Panza, uomo più concreto e poco incline ai sogni.

Il balletto inizia con un prologo in cui Cervantes scrive il suo romanzo; dalla sua penna prende corpo Don Chisciotte, che dopo un’ispirazione decide di partire, insieme al suo scudiero, per compiere grandi ed eroiche imprese, armato di lancia e tanta passione.                                                                                                     

A seguire irrompono le luci e i colori di una ricca e vivace Barcellona; dopo un lungo viaggio, qui finalmente  Don Chisciotte trova un po’ di riposo ed è attratto da Kitri, figlia dell’oste Lorenzo, che gli ricorda l’amata e sognata Dulcinea. Kitri è innamorata del barbiere Basilio, che però è mal visto dal padre di lei perché povero e senza futuro e farà del tutto per darla in sposa al ricco e nobile Gamache. Kitri lo rifiuta e fugge insieme a Basilio.

Inizia il secondo atto. Kitri e Basilio vengono inseguiti e trovati in una pianura con i mulini a vento dove si stende un accampamento di zingari, in cui i due innamorati hanno trovato riparo. Il padre Lorenzo, su tutte le furie, porta via Kitri destinata inevitabilmente a Gamache. Don Chisciotte avverte il sopruso e comincia ad inseguire tutti con la sua lunga lancia finchè viene attratto da un mulino a vento che la sua fantasia trasforma in un nemico da combattere, ma le pale del mulino lo gettano a terra ferito. Si addormenta e sogna di essere in un giardino incantato dove le  Driadi, ninfe dei boschi, e l’Amorino lo conducono da Dulcinea alla quale egli dichiara il suo amore, ma la visione presto svanisce.                                                                                                                                                                                                                                    

Il terzo atto inizia con i preparativi per il matrimonio tra Kitri e Gamache, al quale sono tutti invitati. All’improvviso irrompe Basilio che disperato tenta di salvare la situazione con un trucco: simula il suicidio. A questo punto disperata Kitri implora l’aiuto di Don Chisciotte, il quale preso da nobile sdegno accusa Lorenzo di durezza di cuore e lo costringe a benedire i due innamorati prima che morte li separi per sempre. Lorenzo sentendosi minacciato acconsente,  ma appena ricevuta la sospirata benedizione Basilio salta dalla gioia svelando l’inganno.                                                                                                                               

Lorenzo ormai è rassegnato, Gamache indignato accusa Don Chisciotte dell’accaduto ma nel frattempo i festeggiamenti irrompono e tutti danzano felici. Don Chisciotte e il suo scudiero ripartiranno in cerca di nuove avventure.

Fabbrica

Scopri di più

Vietato ai maggiori
di 26 anni

Scopri come abbonarti

Concerti
Specchi del tempo

Scopri le date
Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza possibile sul nostro sito.
Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy.Proseguendo con la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie

Lo Shop del Teatro dell'Opera di Roma è chiuso.
Presto Torneremo Online
The Shop of Teatro dell'Opera di Roma is closed.
We will come back soon.