Fino al 27 gennaio torna “Brundibár” al Teatro Nazionale

Nel mese in cui ricorre la giornata della Memoria, al Teatro Nazionale dal 22 al 27 gennaio, va in scena Brundibár, opera per bambini di Hans Krása con la regia di Cesare Scarton. Protagonisti sono i giovani cantori della Scuola di Canto Corale e della Youth Orchestra del Teatro dell’Opera di Roma diretta da Carlo Donadio. La messa in scena quest’anno sarà arricchita dall’esecuzione di alcuni Lieder della scrittrice e compositrice ceca di lingua tedesca Ilse Weber, deportata a Terezín nel febbraio del 1942 per le sue origini ebraiche e morta ad Auschwitz nell’ottobre del 1944. I canti di cui Ilse compose i versi e le musiche erano eseguiti da lei stessa alla chitarra o al liuto per portare un po’ di leggerezza ai bambini di Terezín di cui si prese cura fin dall’inizio della sua detenzione.
Scritta dal compositore ceco Krása (ucciso nel campo di concentramento di Auschwitz nel 1944),su libretto di Adolf Hoffmeister Brundibár è andata in scena per la prima volta il 23 settembre 1943 nella fortezza di Terezín, e rappresentata 55 volte dal 1943 al 1944, proprio da alcuni dei bambini rinchiusi e poi deportati nei campi di sterminio. Narra la storia di Pepícek e Aninka, due fratelli poveri e orfani di padre che devono comprare un po’ di latte per salvare la madre malata. Per raccogliere i soldi necessari decidono di cantare al mercato come il suonatore d’organetto Brundibár, che però li allontana dalla piazza. Aiutati da tre animali (un passero, un gatto e un cane) e altri bambini del paese, Pepícek e Aninka con un piano riusciranno alla fine a cacciare Brundibár e a cantare nel mercato.

 

Acquista

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza possibile sul nostro sito.
Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy.Proseguendo con la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie

Lo Shop del Teatro dell'Opera di Roma è chiuso.
Presto Torneremo Online
The Shop of Teatro dell'Opera di Roma is closed.
We will come back soon.