Stagione 2018/2019

Un romano a Marte

Direttore

John Axelrod

Regia

Fabio Cherstich


scene, costumi e video Gianluigi Toccafondo

luci Camilla Piccioni

 

PRINCIPALI INTERPRETI

ILARIA OCCHINI Rafaela Albuquerque*
ENNIO FLAIANO Domingo Pellicola*
KUNT IL MARZIANO Timofei Baranov*
IL CRITICO Gabriele Portoghese
CATERINA MARTINELLI Valeria Almerighi

 

*dal progetto “Fabbrica” Young Artist Program del Teatro dell’Opera di Roma

 

Orchestra del Teatro dell’Opera di Roma

Nuovo allestimento Teatro dell’Opera di Roma

con sovratitoli in italiano e inglese



Tentativo di esaurire un luogo comune

Milano, 23 novembre 1960, sul palcoscenico del Teatro Lirico la “Compagnia del Teatro Popolare italiano” di Vittorio Gassman sta con fatica portando a termine una commedia tratta da un racconto di successo di Ennio Flaiano: Un marziano a Roma. Poco prima della fine il pubblico, già rumoroso, prende spunto da una battuta per scatenare una contestazione clamorosa.

Un romano a Marte inizia proprio da lì, da quella disfatta teatrale che segnerà uno scarto tra le culture milanese e romana, tra l’attitudine produttiva e concreta dell’una e il temperamento  svogliato, cinico e indolente dell’altra.

Ma ecco che, a sipario abbassato, appare in carne e ossa il marziano Kunt, sulla cui esistenza Ennio Flaiano aveva serbato il segreto e che la giovane Ilaria Occhini saluta stupefatta. Da qui un viaggio verso un’Italia e una Roma che stanno cambiando paesaggio, lingua e pensieri; da qui il ritratto di uno scrittore europeo originale e libero, gravato da una privata malinconia, che il conformismo letterario cercherà di ridurre a un faceto inventore di arguzie.

E così, la figura del Critico, che sta ad accompagnare i tre personaggi, funge da narratore di un tempo che va e che torna, lasciandosi indietro misteri di ogni sorta e attorno a sé l’ombra di un popolo che funge, parimenti, da carnefice, da vittima e da spettatore. A dar luce all’enigma flaianeo, le immagini di due donne che illustrano la sublime bellezza e il dolore puro di una città infinita: Claudia Cardinale che  suggella l’8 e 1/2 felliniano e Caterina Martinelli, madre che il 2 maggio 1944 cade uccisa durante un assalto ai forni del quartiere tiburtino.

Giuliano Compagno

Dove

Teatro Nazionale

Maggiori info

Le date

Prima rappresentazione

  • venerdì
    22
    Nov
    ORE 20:00

Le repliche

  • sabato
    23
    Nov
    ORE18:00
  • domenica
    24
    Nov
    ORE16:30

Anteprima giovani

giovedì
21
Nov
19:00

Ti può interessare anche

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza possibile sul nostro sito.
Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy.Proseguendo con la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie